Isola di San Andrés: l’isola dai 7 colori

Il 18 Ottobre 2017 lasciamo la caldissima Panama e voliamo alla scoperta della Colombia.
Non è possibile andare via terra perché la frontiera terrestre Colombia-Panama NON ESISTE, anzi non è mai esistita.

A dividere i due Stati c’è una giungla fitta e impenetrabile chiamata Darien che costituisce un intera regione, per la maggior parte inesplorata.

Perciò l’unico modo di passare il confine è VIA CIELO!

Decidiamo di iniziare dall’alto della Colombia e quindi scegliamo l’Isola di San Andrés come nostra prima tappa.

San Andrès è una piccola isola caraibica dalle acque color smeraldo a 700 km dalla costa continentale colombiana.

Svegliati di buona ora siamo saliti in sella della nostra super vespa e via… brummmmmmmm abbiamo circumnavigato più volte l’isola.

Davanti ai nostri occhi si aprivano spiagge bianchissime e un mare che impetuoso quasi arrivava sulla nostra strada.

Il casco qui non esiste..

e sotto il sole cocente che ci ha bruciato ogni angolino nascosto ci si è aperto uno scenario mozzafiato.

 

 

L’isola di San Andrés ha la forma di un cavalluccio marino ed è chiamata l’isola dei 7 colori per via delle incredibili sfumature di blu delle sue acque.

È veramente un piccolo gioiello caraibico.

 

 

E poi… mentre giriamo per l’isola un pescatore desta la nostra attenzione. Aveva un tavolo pieno di pesce.

Più fresco di così … che squisitezza!!

 

 

L’isola di San Andrés è un piccolissimo paradiso in mezzo al Mar dei Caraibi.

L’isola non è grandissima, solo 12 km di lunghezza per 2-2,5 di larghezza, quindi è davvero facile girarla tutta con uno scooter come abbiamo fatto noi.

Anzi lo consigliamo!

 

 

Le influenze inglesi e spagnole danno vita a un mix culturale che risente degli influssi della musica reggae e degli arrembaggi di pirati e corsari.

Bob Marley è onnipresente.

 

 

Grazie alla sua posizione strategica alle porte dei Caraibi l’isola di San Andrés fu un comodo rifugio per i pirati che attacavano i galeoni carichi di oro diretti verso la Spagna.

 

 

Ogni tanto dovevamo fermarci con la moto perché faceva un caldo intenso e nonostante la nostra protezione 50 sentivamo la nostra pelle cuocersi all’ombra …

Queste palme erano i nostri punti di ristoro.

 

 

Ci ho impiegato 5 sec ad entrare in sintonia…

San Andrés è un tipico villaggio di pescatori dove buon pesce e relax sono in perfetta armonia

Questo è il luogo ideale per rilassarsi, abbronzarsi e godersi la vita!

 

 

L’isola di San Andrés ci è piaciuta tantissimo.
Le sue spiagge caraibiche uniscono elementi selvaggi a un mare incontaminato.
Affittare il motorino poi è stata l’idea migliore per essere indipendenti e visitarla tutta.

 

 

Qui ci troviamo a Hoyo Soplador, nella parte meridionale dell’isola di San Andrés, un piccolo geyser, dove l’acqua de mare sgorga naturalmente attraverso la roccia corallina.

Che MERAVIGLIA  la natura.

 

 

Le persone ci guardano strane quando rispondiamo che “tenemos tiempo”

Fino a qualche anno fa anche per me era normale sincronizzare tutto quando viaggiavo perchè avevo una scadenza…

Il ritorno…

Normalmente le persone schedulano tutto.

E allora bisogna fare tutto e subito.
Non c’è tempo da perdere…

Quindi è normale che non comprendano quando rispondiamo “tenemos tiempo”

Quando ci fermano e ci propongono di fare un sacco di attività, la solita risposta che diamo ora è: “non te preocupes, tenemos tiempo”

Ora il tempo possiamo scegliere di farlo scorrere al ritmo del nostro cuore

Non dobbiamo bruciare tappe e ne vincere guiness e neppure schiacciare sull’acceleratore del tempo.

“Non te preocupes, tenemos tiempo”

 

 

A volte bastano 4 assi di legno e il cocco è servito. Semplicità.

 

 

Il 21 Ottobre 2017 lasciamo l’isola e voliamo verso l’entroterra della Colombia e atterriamo a Cartagena de Indias.

Questa è una delle meravigliose isole che circondano San Andrés vista dall’alto del nostro aereo. Che spettacolo.

 

 

Eccoci pronti a volare. Fra meno di 2 ore toccheremo terrà. 

 

 

Ci vediamo dall’altra parte.

Questo video racchiude le emozioni di questa isola fra sole, spiagge e musica reggae

 


Namastè

Elisa & Luca

Commenti

commenti

Comments are closed.